facebook
twitter
logo
koparion-responsive-prestashop-theme-logo-1524569937

Sede: Via Santo Stefano in Pane, 23/D 50134 Firenze (FI)

Telefono: (+39) 393 563 0983  -  Email: info@marinoeditore.it

Collana

L'Italia che vorrei

 

2017 Marino Editore srl – p.iva IT06719750488.

Copyright. All Rights Reserved

Designed by mbdesign

La Collana in breve:

 

La collana nasce dalla pubblicazione dei racconti che hanno partecipato al concorso:
​L'Italia che vorrei":

Nel 2017, con l’intenzione di dare voce ai giovani talenti inascoltati, e alle idee e aspettative dei nostri giovani per il futuro del Paese, Marino Editore decide di lanciare il concorso letterario denominato “L’Italia che vorrei”. I giovani, spesso accusati di essere lontani dall’interesse per l’economia, la politica, l’evoluzione della nostra società. Siamo convinti del contrario, e che debba solo offrirsi loro  L’obiettivo è riportare le generazioni future all’approfondimento e al dibattito, alla lettura e al confronto, e offrire una platea che sappia ascoltare, fatta di appassionati e di Istituzioni pronte a percepire le qualità degli scrittori e le proposte migliori.

 

L’iniziativa culturale, aperta ai giovani dai 17 ai 19 anni di tutta Italia e totalmente gratuita per i partecipanti, chiede attenzione alle Scuole, alle Università e prima ancora, a tutte le Istituzioni, coinvolte per dare occasione di reale ascolto ai ragazzi e ragazze che si metteranno in gioco. Marino Editore vuole avvicinarsi alle generazioni che saranno protagoniste domani. I partecipanti sono invitati a proporre dei racconti nei quali possano emergere le proposte e le visioni del futuro dell’Italia.

Al di là del risultato della critica, o della vittoria finale, durante il concorso i partecipanti ricevono comunque l’apprezzamento del pubblico: tutti i racconti vengono pubblicati sotto forma di e-book provvisorio, e questo da modo all’intelligenza collettiva della rete di esprimere apprezzamento alle opere stesse. Accanto all’intelligenza collettiva della rete, il parere tecnico della giuria, che coinvolge artisti, istituzioni, Scuole e Università per assegnare il premio della critica.

 

Terminata la fase concorsuale, iracconti, corretti e ridefiniti dalla redazione della Marino Editore, saranno pubblicati sia in versione E-Book che cartaceo e andranno a far parte della collana dal medesimo nome.

 

Direttore di Collana
Antonino Marino

antonio-marinocollana

Fanno parte della Collana:

NewCondition8.9
In stock

"Angulus" non è un vero e proprio luogo fisico, è piuttosto una sorta di dimensione parallela, la metafora esistenziale di tutto ciò che c'è di più caro nella nostra vita e, anche se concretamente distante dalla realtà, è lo spazio in cui ci sentiamo più al sicuro.L'angulus non è necessariamente una sola "piattaforma" di rifugio, ma è un ente che beneficia di una pluralità quantitativa e qualitativa.Tecla, la protagonista del racconto, ne è consapevole, per questo di angulus ne vanta un certo numero: dal ponte al solito posto per incontrare Francesco, dall’amore per quest’ultimo all’amicizia di Adam e, ovviamente, l'incommensurabile affetto dei suoi genitori.Ognuno di noi nasconde dentro di sé o palesa al mondo intero il proprio angulus: questo ci insegna la protagonista di questa fresca storia, in cui l’incanto dell’adolescenza è tradotto dal costante interrogarsi e rispondersi dei giovani protagonisti sul proprio futuro.Acquista la versione E-Book - Versione E-BookScopri di più sull'autore - MATILDA BALDONI

ANGULUS<br>-Matilda-BalboniANGULUS<br>-Matilda-BalboniANGULUS<br>-Matilda-Balboni

NewCondition8.9
In stock

L’Italia di Lorella è un viaggio tra due città: Reggio Calabria e Firenze. L’autrice elenca una serie di problematiche abbastanza conosciute e condivisibili del nostro paese augurandosi, in primis, una maggiore uguaglianza sociale che starebbe alla base di un auspicato miglioramento della condizione attuale in cui versa l’Italia. Attraverso la sua condizione personale cerca di approfondire le criticità che affrontano i nostri giovani, in particolare i ragazzi del sud, che trovano come rimedio e soluzione finale ai loro problemi l’emigrazione. Si parte dalla città di Reggio Calabria con destinazione Firenze, quest’ultima amata e scelta per le opportunità che offre nel campo dell’arte, materia prediletta dalla nostra autrice. In realtà nel racconto Lorella sembra affrontare questo viaggio più volte; sembra rimbalzare tra le due città legata da un amore intenso, anche se diverso, ai due luoghi della sua vita. Un racconto semplice ma pieno di sogni e speranze che spesso sconfinano negli ideali delle società utopiche come del resto si cita nel testo: “Vorrei un paese un po’ come la famosa Città del Sole, del nostro Tommaso Campanella, dove tutti hanno ciò di cui hanno bisogno, niente di più, niente di meno”. Acquista la versione E-Book - Versione E-BookScopri di più sull'autore - LORELLA NERI

CARA-ITALIA-VORREI<br>Lorella-NeriCARA-ITALIA-VORREI<br>Lorella-NeriCARA-ITALIA-VORREI<br>Lorella-Neri

NewCondition4.99
In stock

L’Italia di Lorella è un viaggio tra due città: Reggio Calabria e Firenze. L’autrice elenca una serie di problematiche abbastanza conosciute e condivisibili del nostro paese augurandosi, in primis, una maggiore uguaglianza sociale che starebbe alla base di un auspicato miglioramento della condizione attuale in cui versa l’Italia. Attraverso la sua condizione personale cerca di approfondire le criticità che affrontano i nostri giovani, in particolare i ragazzi del sud, che trovano come rimedio e soluzione finale ai loro problemi l’emigrazione. Si parte dalla città di Reggio Calabria con destinazione Firenze, quest’ultima amata e scelta per le opportunità che offre nel campo dell’arte, materia prediletta dalla nostra autrice. In realtà nel racconto Lorella sembra affrontare questo viaggio più volte; sembra rimbalzare tra le due città legata da un amore intenso, anche se diverso, ai due luoghi della sua vita. Un racconto semplice ma pieno di sogni e speranze che spesso sconfinano negli ideali delle società utopiche come del resto si cita nel testo: “Vorrei un paese un po’ come la famosa Città del Sole, del nostro Tommaso Campanella, dove tutti hanno ciò di cui hanno bisogno, niente di più, niente di meno”. Acquista la versione Cartacea - Versione CartaceaScopri di più sull'autore - LORELLA NERI

CARA-ITALIA-VORREI<br>Lorella-NeriCARA-ITALIA-VORREI<br>Lorella-NeriCARA-ITALIA-VORREI<br>Lorella-Neri

NewCondition8.9
In stock

“Il richiamo di casa” non è soltanto il titolo di questo breve romanzo, è molto di più… è la voce che ognuno di noi sente dentro il proprio cuore ogni qual volta siamo costretti ad allontanarci dalla terra natia per assecondare le inclinazioni personali, per seguire e sfamare i nostri sogni, per fare nuove esperienze, rivestire posizioni differenti da quelle usuali, crescere, responsabilizzarci esercitando nuove mansioni o, nella maggior parte dei casi, per sperimentare tu􀆩o ciò che nel proprio Paese pensiamo, forse con arroganza, che ci venga negato.È questo ciò che accade a Tecla, la protagonista della storia, che da cinquecentoquarantuno giorni vive sotto un cielo australiano, lontana dal suo Bel Paese.Tecla ha un lavoro che le permette di vivere, svolgendo ciò per cui ha studiato, un mestiere che la gratifica, ma che la fa vivere all’interno di una cornice che non le garantisce la felicità che merita.Tecla, seppure abbia la famiglia lontana, ha con sé una scatola di ricordi, piena di fotografie e memorie che ripercorrono la sua vita italiana, uno scrigno che fino ad ora ha tenuto nascosto, colmo dei suoi affetti tra luoghi e tempi diversi che, incrociandosi con la sua attualità la catapultano in quella dimensione antitetica tra passato e presente, fino a farle prendere la giusta decisione per il futuro che sogna.Acquista la versione E-Book - Versione E-BookScopri di più sull'autore - MERI MANGANIELLO

IL-RICHIAMO-DI-CASA<br>Meri-MaganielloIL-RICHIAMO-DI-CASA<br>Meri-MaganielloIL-RICHIAMO-DI-CASA<br>Meri-Maganiello

NewCondition4.99
In stock

“Il richiamo di casa” non è soltanto il titolo di questo breve romanzo, è molto di più… è la voce che ognuno di noi sente dentro il proprio cuore ogni qual volta siamo costretti ad allontanarci dalla terra natia per assecondare le inclinazioni personali, per seguire e sfamare i nostri sogni, per fare nuove esperienze, rivestire posizioni differenti da quelle usuali, crescere, responsabilizzarci esercitando nuove mansioni o, nella maggior parte dei casi, per sperimentare tu􀆩o ciò che nel proprio Paese pensiamo, forse con arroganza, che ci venga negato.È questo ciò che accade a Tecla, la protagonista della storia, che da cinquecentoquarantuno giorni vive sotto un cielo australiano, lontana dal suo Bel Paese.Tecla ha un lavoro che le permette di vivere, svolgendo ciò per cui ha studiato, un mestiere che la gratifica, ma che la fa vivere all’interno di una cornice che non le garantisce la felicità che merita.Tecla, seppure abbia la famiglia lontana, ha con sé una scatola di ricordi, piena di fotografie e memorie che ripercorrono la sua vita italiana, uno scrigno che fino ad ora ha tenuto nascosto, colmo dei suoi affetti tra luoghi e tempi diversi che, incrociandosi con la sua attualità la catapultano in quella dimensione antitetica tra passato e presente, fino a farle prendere la giusta decisione per il futuro che sogna.Acquista la versione Cartacea - Versione CartaceaScopri di più sull'autore - MERI MANGANIELLO

IL-RICHIAMO-DI-CASA<br>Meri-MaganielloIL-RICHIAMO-DI-CASA<br>Meri-MaganielloIL-RICHIAMO-DI-CASA<br>Meri-Maganiello

NewCondition8.9
In stock

Il racconto della giovane Emanuela Francini è frutto del carattere determinato, dell’educazione orientata ai valori, al sacrificio personale e al rispetto del prossimo, e delle forti aspirazioni dell’autrice.Emanuela, attraverso gli occhi e la narrazione della protagonista Sofia, sogna un futuro migliore per il nostro Paese, nel quale i più meritevoli possano ambire, con l’impegno e i valori, ad emergere ed affermarsi. In questa prova narrativa, Emanuela è in grado di far emergere i buoni sentimenti dei protagonisti, lasciando intuire la cultura integra e positiva di chi scrive. Le riflessioni proposte sono mature, eppure scivolano via leggere perché la lettura è resa viva ed efficace dai dialoghi e dagli scenari diretti e immediati, ma soprattutto spontanei.Una prova, quella dell’Italia di Sofia, che supera a pieni voti il giudizio del pubblico online: con il racconto la scrittrice ha ricevuto il premio nella categoria “social”.Acquista la versione E-Book - Versione E-BookScopri di più sull'autore - EMANUELA FRANCINI

L'ITALIA-DI-SOFIA<br>Emanuela-FranciniLEmanuela-Francini' title='L'ITALIA-DI-SOFIA
Emanuela-Francini' />LEmanuela-Francini' title='L'ITALIA-DI-SOFIA
Emanuela-Francini' />

NewCondition4.99
In stock

Il racconto della giovane Emanuela Francini è frutto del carattere determinato, dell’educazione orientata ai valori, al sacrificio personale e al rispetto del prossimo, e delle forti aspirazioni dell’autrice.Emanuela, attraverso gli occhi e la narrazione della protagonista Sofia, sogna un futuro migliore per il nostro Paese, nel quale i più meritevoli possano ambire, con l’impegno e i valori, ad emergere ed affermarsi. In questa prova narrativa, Emanuela è in grado di far emergere i buoni sentimenti dei protagonisti, lasciando intuire la cultura integra e positiva di chi scrive. Le riflessioni proposte sono mature, eppure scivolano via leggere perché la lettura è resa viva ed efficace dai dialoghi e dagli scenari diretti e immediati, ma soprattutto spontanei.Una prova, quella dell’Italia di Sofia, che supera a pieni voti il giudizio del pubblico online: con il racconto la scrittrice ha ricevuto il premio nella categoria “social”.Acquista la versione Cartacea - Versione CartaceaScopri di più sull'autore - EMANUELA FRANCINI

L'ITALIA-DI-SOFIA<br>Emanuela-FranciniLEmanuela-Francini' title='L'ITALIA-DI-SOFIA
Emanuela-Francini' />LEmanuela-Francini' title='L'ITALIA-DI-SOFIA
Emanuela-Francini' />

NewCondition8.9
In stock

Il bene e il male spesso rappresentano le facce di una stessa medaglia, un amuleto che ognuno di noi inconsciamente possiede. Federica e Dafne in questo racconto ci mostrano come la realtà spesso non è quella che vediamo, che il male ed il bene si confondono, si nascondono, si mescolano. Angeli, demoni, streghe, vampiri, fanno parte della vita di tutti i giorni, spesso hanno anche un loro fascino tale da farci perdutamente innamorare. Questo racconto accattivante spinge il lettore a riflettere sulla vera essenza di tutto ciò che ci circonda, senza fermarsi alle apparenze. In qualche modo le autrici ci ricordano che è sempre sbagliato fare “di tutta l’erba un fascio” e che le persone vanno giudicate per quel che fanno e non per il loro aspetto. Insomma anche se in maniera poco esplicita e molto fantasiosa, immortalano un momento storico, quello attuale, che si muove in direzione opposta a quella da loro indicata. Apparenza, pregiudizi e diffidenza sono i valori che sempre più pervadono la nostra società.Acquista la versione E-Book - Versione E-BookScopri di più sulle autrici - DAFNE DI SILVESTRO - FEDERICA CACCAMO

L'OSCURITÀ-DELL'ANGELO<br>Federica-Caccamo-e-Dafne-Di-SilvestroLFederica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' title='L'OSCURITÀ-DELL'ANGELO
Federica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' />LFederica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' title='L'OSCURITÀ-DELL'ANGELO
Federica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' />LFederica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' title='L'OSCURITÀ-DELL'ANGELO
Federica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' />

NewCondition4.99
In stock

Il bene e il male spesso rappresentano le facce di una stessa medaglia, un amuleto che ognuno di noi inconsciamente possiede. Federica e Dafne in questo racconto ci mostrano come la realtà spesso non è quella che vediamo, che il male ed il bene si confondono, si nascondono, si mescolano. Angeli, demoni, streghe, vampiri, fanno parte della vita di tutti i giorni, spesso hanno anche un loro fascino tale da farci perdutamente innamorare. Questo racconto accattivante spinge il lettore a riflettere sulla vera essenza di tutto ciò che ci circonda, senza fermarsi alle apparenze. In qualche modo le autrici ci ricordano che è sempre sbagliato fare “di tutta l’erba un fascio” e che le persone vanno giudicate per quel che fanno e non per il loro aspetto. Insomma anche se in maniera poco esplicita e molto fantasiosa, immortalano un momento storico, quello attuale, che si muove in direzione opposta a quella da loro indicata. Apparenza, pregiudizi e diffidenza sono i valori che sempre più pervadono la nostra società.Acquista la versione Cartacea - Versione CartaceaScopri di più sulle autrici - DAFNE DI SILVESTRO - FEDERICA CACCAMO

L'OSCURITÀ-DELL'ANGELO<br>Federica-Caccamo-e-Dafne-Di-SilvestroLFederica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' title='L'OSCURITÀ-DELL'ANGELO
Federica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' />LFederica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' title='L'OSCURITÀ-DELL'ANGELO
Federica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' />LFederica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' title='L'OSCURITÀ-DELL'ANGELO
Federica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' />

NewCondition8.9
In stock

Nova e Sole, le due protagoniste del racconto di Khady Toure, ci fanno vivere in qualche modo lo spaccato attualissimo della nostra Italia, visto però con altri occhi, dall’altra parte della barricata: quella degli immigrati. Khady attraverso i personaggi ci presenta le contraddizioni della società contemporanea che discrimina indifferentemente il “diverso”. Poco importa se sei musulmano, ebreo, nero, portatore di handicap, l’importante, si fa per dire, è che tu sia “diverso”. A volte è sufficiente anche essere troppo educato o bravo a scuola oppure di rango sociale inferiore per subire vessazioni e cattiverie. La soluzione a questo clima di odio celato, ma neanche troppo, che pervade la nostra Italia, sembra essere l’amore. Quell’amore di cui tutti noi abbiamo bisogno per vivere, che ricerchiamo costantemente e che, se ci viene negato dal contesto socio-familiare in cui siamo inseriti, andiamo a ricercare altrove. Così fuggiamo facendoci accompagnare, nella migliore delle ipotesi - se siamo fortunati - da un compagno/a che ci accetta per quello che siamo e che crediamo e vogliamo possa starci accanto per tutta la vita. Ciò che c’è di sbagliato, di brutto, di ingiusto nella nostra esistenza è semplicemente causato dalla mancanza di amore, di condivisione di ciò che siamo e Nova, giunta al tramonto dei suoi giorni, ce lo ricorda: “Siamo arrivati al capolinea della mia storia, questa è l’ultima fermata quindi ora siete pregati di scendere, portando con voi una parte di me ovunque andiate o qualunque cosa decidiate di fare”.Acquista la versione E-Book - Versione E-BookScopri di più sull'autore - KHADY TOURE

LA-FORZA-DELLA-FRAGILITÀ<br>Khady-ToureLA-FORZA-DELLA-FRAGILITÀ<br>Khady-ToureLA-FORZA-DELLA-FRAGILITÀ<br>Khady-Toure